Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

Il Centrodestra deve pianificare quello che sarà il percorso per tornare al Governo della nazione. Solo così si potranno dare risposte ai territori, urge un progetto di Governo i nostri elettori sono stanchi della testimonianza che non porta a gestire direttamente la cosa pubblica.

A settembre la tornata elettorale per le elezioni regionali e comunali sarà determinante. Serve un sistema elettorale maggioritario, a maggior ragione dopo che il Movimento 5 Stelle si è tolto la maschera schierandosi a sinistra con il voto su Rousseau, tradendo ogni principio del movimento delle origini. Oggi solo il sistema maggioritario garantirebbe governabilità al Paese.

Si apre un nuovo scenario con il bipolarismo che è sempre più palese. Gli italiani potranno scegliere tra il Governo delle sinistre e la coalizione del Centrodestra. Serve un programma serio oltre che il presidenzialismo, l’autonomia delle regioni e la riforma della giustizia. L’Italia ha bisogno di una progetto politico che presenti un nuovo piano infrastrutturale, serve un taglio netto alla pressione fiscale e meno assistenzialismo fine a se stesso.

Un nuovo polo conservatore che metta al centro della politica la famiglia ed incentivi le nascite. Serve difendere la nostra terra, i nostri prodotti che sono un’eccellenza nel mondo salvaguardando il nostro sistema di esportazione. Più sicurezza e controllo dei confini per arginare il business dell’immigrazione e mettere fine a questa mangiatoia. La riforme della sanità e dell’istruzione saranno una sfida importante da preparare per le future generazioni.

Gli Italiani vogliono un Governo conservatore, sono i sondaggi che lo dicono, il Centrodestra rappresenta la maggioranza degli italiani. La nostra nazione vuole un Centrodestra tradizionale compatto, con tutte le differenze presenti nella coalizione che sono un valore aggiunto per la politica della nostra nazione. Serve maturità e responsabilità per Governare l’Italia, il Centrodestra tradizionale sarà l’unico argine a questo Governo delle sinistre.