Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

Diamo il benvenuto a Davide Quadri, responsabile esteri della Lega giovani, sui canali di Nazione Futura.

Davide, siete reduci dalla grande festa di Pontida. Ci puoi tracciare un bilancio della manifestazione per il partito e per il suo movimento giovanile?

Un saluto a tutti gli amici di Nazione Futura! Pontida è sempre una grande emozione, un ritrovo sul sacro suolo con tutta la famiglia della Lega e della Lega Giovani. Il Sabato con tantissimi ragazzi da tutta Italia e da tutta Europa abbiamo tracciato il futuro per il nostro movimento, soprattutto in vista delle Elezioni Europee. La Lega Giovani esprime consigliere comunali, sindaci, consiglieri ed assessori regionali, fino a parlamentari ed eurodeputati. La presenza di Marine Le Pen ha dato l’idea di questa forza e della centralità del movimento in Europa. Inoltre la Lega Giovani ha dimostrato di non aver perso le sue radici originarie, chiedendo a gran voce l’Autonomia.

Dopo un anno di governo di Giorgia Meloni, quali sono le proposte politiche che la Lega vorrebbe accelerare e quali invece le azioni sulle quali si poteva essere più incisivi?

Il blocco dell’immigrazione deve essere una priorità; è evidente che dietro ci sia una regia per destabilizzare il primo governo di destra in Italia dopo decenni, ma questo non può essere una scusante. Dobbiamo agire in modo più forte e deciso. Una delle riforme su cui è obbligatorio accelerare è l’Autonomia. Troppo spesso rimandata e ignorata e, c’è il sospetto, ostacolata da alcuni ambienti del centrodestra per mere questioni ideologiche. L’Autonomia, base su cui è nata la Lega nella mia Varese, è stata votata a larghissima maggioranza dai Lombardi e dai Veneti e il Governo ha il dovere di dare una risposta chiara e rapida a questa volontà popolare.

Capitolo immigrazione, uno degli aspetti su cui la Lega e Matteo Salvini hanno sempre agito con determinazione. Non trova che ci sia oggettivamente un problema in queste settimane? Quali sono le soluzioni che il Carroccio offre alla sua maggioranza?

Come detto prima c’è il sospetto che ci sia una regia per destabilizzare il nostro Paese. Per questo dobbiamo dichiarare guerra alle organizzazioni, italiane e straniere, che stanno destabilizzando la nostra società. In queste ultime settimane si sta notando un diverso approccio sul tema, con provvedimenti forti e un inasprimento di quelle che erano i già ottimi Decreti Salvini. E se alcuni ambienti della sinistra o della pseudo destra si stracciano le vesti, ce ne faremo una ragione, tutta Europa sta bloccando l’immigrazione, non capisco perché dovrebbe essere solo l’Italia a subire, tacere e diventare un campo profughi e piazza di spaccio europea..

In vista delle Europee del prossimo mese di giugno, con quali proposte la Lega può avvicinare il suo gruppo a quelli dei popolari e dei conservatori per dar vita ad una nuova maggioranza senza i socialisti?

L’Europa e i suoi cittadini non possono più sopportare altri cinque anni di una Commissione Ue succube delle sinistre più radicali e dei verdi. Il prossimo Europarlamento vedrà un successo delle formazioni patriottiche e conservatrici e la Commissione, con le sue iniziative legislative dovranno esserne la prova.
Iniziative che dovranno rimettere in discussione le disastrose e ideologiche politiche del New Green Deal che rappresentano un pericolo per le nostre imprese e per il Made in Italy. Inoltre, dovranno essere messe in campo politiche a favore della famiglia e della natalità, per ridare vigore al ruolo mondiale di quell’Europa che ha forgiato la Civiltà. Un’Europa che deve saper essere un ponte tra Occidente ed Asia e non solo un terreno di scontro tra le superpotenze