Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

PIERNICOLA PEDICINI PIER NICOLA EUROPARLAMENTARE M5S

Ne ha dell’incredibile quello che sta accadendo in queste ore a Bruxelles. L’ex grillino Piernicola Pedicini, attualmente eurodeputato alla seconda legislatura nel gruppo Verdi/Alleanza Libera Europea, ha avviato una raccolta firme per sfiduciare Ursula von der Leyen perchè troppo favorevole ad Israele.

L’ideona avuta dall’ex grillino è quella di raccogliere almeno 72 firme per sottoporre poi la mozione di sfiducia in seno al Parlamento europeo. Nella mozione si legge che la presidente della Commissione Europea ha tenuto “un doppio standard considerando il blocco dell’acqua e del carburante operato dalla Russia nei confonti del popolo ucraino come un atto di terrore mentre l’identico atto di Israele contro la popolazione di Gaza è completamente ignorato”, aggiungendo che la posizione dell’UE può far inferocire le cellule terroristiche presenti in Europa.

Quindi, non possiamo difendere Israele perchè dobbiamo temere il terrorismo islamico. Forse Pedicini non ha ancora inteso che dimostrare paura a quei fanatici che si fanno esplodere in nome della religione significa fare proprio il loro gioco.

Il cognome, Pedicini, dice ben poco… uno dei tanti eurodeputati che sono stati catapultati a Bruxelles, dove avrebbe il compito – pur nelle differenze di vedute – di tutelare l’interesse italiano all’interno delle sale europee. Invece, il buon Pedicini si scopre, dopo una girandola di partiti e partitini, un sostenitore di Hamas.

Perchè sì, vedete, sebbene qualcuno possa pensare ad una semplificazione eccessiva, in realtà la lotta al terrorismo islamico non passa di certo attraverso la fasulla difesa della popolazione di Gaza orchestrata dai pacifisti nostrani, bensì attraverso due semplici cose, le armi e il diritto internazionale, entrambe da impugnare contro chi utilizza il popolo palestinese per i suoi orribili obiettivi di stampo islamico.

Chi prende le distanze o chi si dice “a favore di Israele ma…” fa esattamente il gioco di chi vorrebbe vedere spazzato via Israele. O si fa finta – per ignoranza (nel senso etimologico del termine) – di non vedere l’essenza terroristica dell’organizzazione di Hamas oppure si è banalmente complici di tale organizzazione.

Se la seconda opzione la escludiamo, rimane la prima. Ecco, forse una lettura su cosa è stato Hamas, da chi è guidato e quali sono i suoi obiettivi ben esplicitati nello Statuto sarebbe un toccasana…