Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

Una storia su instagram di Hanane Hammoud, prof di matematica alla scuola superiore internazionale H-Farm di Roncade in provincia di Treviso, ha suscitato indignazione. Il video postato e rapidamente rimosso, mostrava alcune scene della guerra in corso tra Israele e Palestina, con l’aggiunta di una frase «andate all’inferno, Hitler aveva ragione su di voi ebrei».

Una studentessa, dopo aver effettuato uno screenshot e averlo mostrato ai genitori, lo ha successivamente condiviso via chat con gli altri studenti, favorendone così la diffusione e alimentando
l’incredulità per l’inappropriatezza di quel contenuto. L’insegnante, nata in Libano, ha cercato di giustificarsi spiegando che quelle parole sono state dettate da un momento di sconforto e paura per familiari e amici che si trovano vicino alle zone del conflitto; tuttavia le giustificazioni fornite, non sono state ritenute valide dalla dirigenza di H-Farm, che ha deciso la sua sospensione.

L’istituto dove insegna la professoressa, promuove da diversi anni modelli di inclusività, innovazione,
multiculturalismo e si fa vanto della provenienza internazionale degli studenti e dei docenti; attraverso il
preside Conad De Wilde ha comunicato di “non cercare punizioni e di credere nella giustizia riparativa”,
cercando quindi il dialogo e la comprensione.

È stata invece rapida e convinta la condanna del Ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, che ha
dichiarato “odio razziale e discriminazioni di ogni tipo sono incompatibili con i principi della nostra
scuola”.

Che la sinistra e il progressismo fossero presenti all’interno delle scuole non è certamente una novità,
lasciano però perplessi le dichiarazioni fortemente antigiudaiche e razziste, giustificate con pretesti poco
credibili; attendiamo perciò che i ferventi buonisti di un certo schieramento politico, prendano le
distanze da questi presunti deliri che nell’ultimo periodo sembrano piuttosto frequenti.