Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

Nell’annuale classifica delle cento donne più influenti al mondo stilata da Forbes, nel 2023 Giorgia Meloni
è al quarto posto.

Prima tra le donne italiane a occupare una posizione di rilievo in questa top 100, Giorgia Meloni è stata preceduta solamente da Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, Christine
Lagarde, Presidente della Banca Centrale Europea e Kamala Harris, vice Presidente degli Stati Uniti. Per l’elaborazione della classifica, sono stati presi in considerazione quattro parametri: l’influenza sui
media, il denaro, l’impatto e l’ambito di riferimento.

Il Presidente del Consiglio e leader di Fratelli d’Italia e del Partito dei Conservatori e dei Riformisti Europei, è al momento l’unica donna alla guida di un Paese del G20 oltre a essere la prima italiana a raggiungere la quarta posizione nel ranking della rivista statunitense; un riconoscimento che certifica l’autorevolezza con la quale Giorgia Meloni sta rappresentando l’Italia nel mondo, nonostante la delegittimazione e il pregiudizio della sinistra nostrana nei confronti del suo operato.

Pochi giorni, fa inoltre, Giorgia Meloni era stata inserita da POLITICO tra i 28 leader più influenti d’Europa, ottenendo il primo posto nella categoria “Doers”, quindi tra i più concreti nella messa in campo delle loro politiche e ricevendo attestati di stima per la sua capacità di sfidare le avversità, ribaltare le aspettative e di sorprendere in politica estera.

Appare perciò evidente che il pragmatismo e la meritocrazia siano ancora considerati dei criteri
fondamentali per la valutazione di un leader politico e di un personaggio pubblico; criteri che per la
sinistra italiana sembrano invece anacronistici e discriminatori.