Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

Dai pandoro e dalle uova di Pasqua alle scritte offensive sui propri negozi: se il 2023 si è chiuso male per Chiara Ferragni, questo 2024 non poteva aprirsi peggio… ma anche per noi, costretti prima a subire ogni giorno decine di stories della regina degli influencer e poi un orripilante video di scuse.

La figuraccia in cui si è cacciata la Ferragni è ormai nota al grande pubblico: di mezzo c’è in entrambe le vicende la sponsorizzazione di un cibo legata a una truffa ben organizzata dalla moglie del cantante – e anche lui influencer – Fedez. Prima la vicenda del pandoro Baiocco, poi quella delle uova di Pasqua hanno mostrato come senza scrupoli l’influencer annunciava collaborazioni commerciali in favore di opere di beneficienza a discapito di cachet milionari e soldi che in beneficienza erano già stati consegnati ancor prima che iniziassero le vendite dei prodotti. Insomma, una figuraccia con la F maiuscola.

Il popolo dei social, dopo aver esternato parole di scherno su Instagram, X (ex Twitter), Facebook e ogni piattaforma possibile, è andato oltre la tastiera e si è recato direttamente davanti alla Ferragni, o meglio davanti ai suoi negozi. Infatti, se il 2023 si è chiuso molto male per l’influencer milanese, il 2024 è partito forse peggio. “Bandita” e “truffatrice” sono le due scritte comparse sulla targa e sulle vetrine del negozio inaugurato a Roma, in via del Babuino, pochi mesi fa direttamente dalla Ferragni. Questo è avvenuto a poche ore dalla ricomparsa su instagram dell’imprenditrice immortalata in una stories del marito.

Se l’effetto è questo ogni volta che tornerà a mostrare il suo viso su Instagram, forse per un pò potremo essere liberi dalle quotidiane stories dei Ferragnez.