Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

ELON MUSK AD TESLA

Pochi giorni fa il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo sul presunto utilizzo di droghe da parte di Elon Musk. Tra le sostanze utilizzate dal patron di X, rientrerebbero marijuana, cocaina, LSD, funghi allucinogeni, ecstasy e ketamina; un abuso che a detta del WJS avrebbe allarmato i vertici di SpaceX e Tesla.

Considerando che Musk ha accesso a informazioni classificate relative alla sicurezza nazionale,
qualora fosse dimostrato l’uso illegale di droghe, oltre a infrangere le policy delle sue società,
causerebbe anche una violazione delle politiche federali che potrebbe mettere a rischio i contratti governativi di SpaceX con la Nasa e il Pentagono.

Effettivamente in passato Elon Musk ha dichiarato di avere una prescrizione medica per l’utilizzo di ketamina, una sostanza con un importante effetto analgesico e psichedelico, sperimentata in ambito psichiatrico per trattare la depressione e il disturbo bipolare e da stress post-traumatico.

Sempre secondo il Wall Street Journal, alcuni componenti del consiglio di amministrazione di Tesla hanno più volte manifestato delle perplessità sulla lucidità di Elon Musk, senza però procedere formalmente sulla questione. E addirittura nell’articolo in questione sono riportati degli episodi specifici in cui Musk avrebbe utilizzato certe sostanze, nel 2018 a Los Angeles in occasione di una festa privata e nel 2021 a Miami insieme a suo fratello Kimbal Musk.

Ovviamente una buona parte della sinistra italiana ha addirittura ipotizzato che le posizioni e istanze di Musk sempre più vicine al panorama conservatore, possano essere il risultato di un consumo prolungato di determinate sostanze. Sorprende notare come questa sinistra sia la stessa che più di una volta ha sostenuto apertamente la liberalizzazione delle droghe e ora critica apertamente Musk considerandolo sostanzialmente un incapace e tossicodipendente.

In risposta all’articolo, Musk ha scritto su X che dopo aver fumato cannabis durante un episodio del podcast di Joe Rogan, ha scelto di sottoporsi regolarmente a test antidroga e che in tutte le occasioni non è stata evidenziata nessuna traccia di alcool e sostanze stupefacenti.

Anche per oggi, la sinistra nostrana dovrà trovare un altro argomento su cui costruire l’ennesima polemica sterile.