Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

I PONTI DI FIRENZE VISTI DAL PIAZZALE MICHELANGELO EMERGENZA CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID 19 COVID19 CITTA’ VUOTA DESERTA

Nella notte del 31 gennaio il consolato Usa a Firenze è stato preso d’assalto da estremisti politici appartenenti al movimento ‘The whole world is Hamas’, lo stesso responsabile dell’attacco terroristico del 7 Ottobre. Sono state lanciate due bottiglie incendiarie contro l’edificio, che non riuscendo a colpire l’obiettivo, hanno provocato un’esplosione in strada.

Questo è quanto riportato dal video ‘’avvertimento’’ che è stato recapitato via mail alla sede Rai di Firenze, accompagnato da una specifica sugli obiettivi – ben 49 – individuati per possibili attentati. L’audio in arabo, con voci in sottofondo che sembrano criptate, annuncia i possibili prossimi attacchi minacciando l’Europa e gli Stati Uniti per l’appoggio fornito ad Israele. “Sappiate che per ogni civile palestinese ucciso si crea un nuovo combattente di Hamas nel mondo”. Ecco le inquietanti intimidazioni che risuonano.

Le telecamere di videosorveglianza, in funzione sul posto, hanno ripreso un giovane vestito di nero dal volto coperto, identificato come il responsabile del lancio dei molotov. Sono in atto accertamenti sulla presunta rivendicazione dalla procura di Firenze, “È una situazione seria che non stiamo sottovalutando.
Abbiamo avviato da subito tutti gli accertamenti. Ho informato i colleghi di Eurojust che dispone di un registro giudiziario antiterrorismo e con loro lo scambio di informazione avviene in tempo reale. Una situazione da leggere valutando tutto lo scenario internazionale”, ha affermato il procuratore Filippo Spiezia.

Il Governo è già a lavoro per fronteggiare l’emergenza terrorismo, come dichiara il deputato di FDI Giovanni Donzelli: ‘’Il lancio di molotov verso il Consolato degli Stati Uniti, è un fatto criminale di una
gravità inaudita: estremisti politici violenti non devono avere alcuna copertura. La nostra solidarietà e stretta vicinanza per l’inqualificabile gesto va innanzitutto al personale diplomatico americano. Le
istituzioni diano una risposta forte e immediata contro questo gesto inqualificabile e forniscano totale collaborazione e supporto alle forze dell’ordine per individuare al più presto i responsabili.’’

Pericoloso episodio rappresentativo della minaccia sempre più evidente e crescente del terrorismo di Hamas che ci vede tristemente protagonisti.