Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

L’ex Presidente Donald Trump ha ottenuto uno storico risultato anche al Super Tuesday, conquistando con un ampio distacco 14 stati su 15, mentre la sua sfidante Nikki Haley ha conquistato il Vermont, stato storicamente vicino ai democratici, e successivamente ha annunciato il suo ritiro dalla corsa per le presidenziali. Donald Trump si è imposto come unico candidato del Partito Repubblicano nella corsa alla Casa Bianca. Sul versante opposto, il Presidente Joe Biden continua a conquistare delegati, consolidando la sua presa sul Partito Democratico, anche se subisce una terribile sconfitta nelle isole Samoa in cui si è imposto l’outsider Jason Palmer. 

Nikki Haley, principale rivale interna di Trump, ha rappresentato la minoranza repubblicana legata ai principi del neoconservatorismo in politica estera e ad un maggior interventismo degli Stati Uniti nello scacchiere mondiale, dimostrando che esiste all’interno del Partito Repubblicano un’area, per quanto minoritaria, che ha difficoltà a digerire l’isolazionismo. Donald Trump, che deve buona parte dei suoi successi alla critica della politica estera di Biden, dovrà tenerne conto se vuole tornare alla Casa Bianca. La Haley, quando ha annunciato la sospensione della campagna elettorale (senza ritirarsi formalmente, così da mantenere il controllo di delegati e donatori) dal suo quartier generale di Charleston, ha avvisato Trump di non dare per scontati i voti della minoranza Repubblicana. 

Donald Trump è riuscito a riprendere il controllo del Partito Repubblicano, incassando l’appoggio dei suoi principali dirigenti e incassando la vittoria per la nomination, mentre la sua posizione si è consolidata in seguito alla decisione della Corte Suprema che lo ha dichiarato elegibile, annullando la sentenza del Colorado che, lo scorso dicembre, non aveva ammesso la sua candidatura. Anche il leader dei senatori repubblicani Mitch McConnell, nonostante il rapporto altalenante con il Tycoon, ha annunciato il suo supporto a Trump. 

Nel secondo round tra Trump e Biden, che hanno polarizzato radicalmente il loro elettorato, giocheranno un ruolo cruciale gli elettori moderati e indipendenti, che Nikki Haley è riuscita a coinvolgere. In quest’area tanto Trump quanto Biden si giocheranno l’elezione: il Tycoon, pur non rinunciando a criticare la Haley, ha invitato i suoi sostenitori a “unirsi al più grande movimento nella storia della nostra nazione”, mentre il Presidente si è dichiarato disponibile ad aprire un tavolo di lavoro e dialogo con questi.