Abbonati alla rivista

Nazione Futura Rivista

Abbonati alla rivista

Secondo la società di consulenza Econométrica, nella terza settimana di giugno, l’Argentina ha registrato, per la prima volta in 30 anni, un’inflazione pari a zero nel settore alimentare e delle bevande. Questa misurazione si è basata sullo studio di 8.000 prezzi di supermercati online e ha registrato che i valori della categoria sono rimasti invariati la scorsa settimana rispetto ai sette giorni precedenti, cosa che non accadeva da 30 anni.

Vale la pena ricordare che anche la categoria alimenti e bevande ha registrato un aumento dello 0,1% negli ultimi quindici giorni, con un incremento di un decimo nella seconda settimana del sesto mese dell’anno e nessuna variazione (0,0%) nella terza settimana. “Quando siamo entrati in carica, l’Argentina aveva un deficit gemello di 17 punti di PIL. Ci siamo trovati di fronte a un’economia fuori controllo, ma abbiamo lavorato duramente per correggerla” ha dichiarato il presidente Javier Milei durante il suo discorso di accettazione del premio “Juan de Mariana”. “Abbiamo promesso tagli drastici alla spesa pubblica per ripristinare la stabilità economica. Anche se molti dicevano che era impossibile, abbiamo dimostrato che si può fare” ha esclamato il presidente argentino, molto soddisfatto dei risultati raggiunti.

Questo traguardo, sotto l’amministrazione del Presidente Javier Milei, segna un enorme passo avanti nella lotta del Paese contro l’inflazione dilagante. Storicamente, l’Argentina ha dovuto affrontare un’inflazione persistente, esacerbata da politiche monetarie espansive. “Chi non sa cosa sta cercando non capisce cosa trova. Conoscere la teoria economica è fondamentale per progettare politiche efficienti e seguire una rotta chiara. La nostra visione dell’economia si basa su valori morali. La politica economica deve riflettere i nostri principi fondamentali. Il liberalismo è il rispetto illimitato del progetto di vita degli altri, basato sul principio di non aggressione e sulla difesa della vita, della libertà e della proprietà” – continua a gran voce il neo Presidente nel suo discorso – “ci troviamo di fronte a un’inflazione incontrollata del 3700% all’anno e stiamo lavorando per ridurla senza ricorrere a misure estreme come il controllo dei prezzi. Abbiamo attuato strategie innovative per gestire la crisi valutaria, nonostante le continue critiche. Il nostro approccio è stato pragmatico e basato sulla realtà economica.”

I rigorosi aggiustamenti fiscali e gli sforzi di stabilizzazione monetaria di Milei stanno iniziando a dare risultati tangibili, offrendo un barlume di speranza per un futuro economico più stabile e prevedibile.